Limone di Siracusa IGP, nuova campagna alle porte

Siracusa, 31 agosto 2017 – Per il limone di Siracusa IGP è tempo di tirare le somme di una campagna giunta agli sgoccioli, con la fioritura estiva, quella del verdello, quest’anno particolarmente poco generosa. << La pianta osserva i suoi cicli produttivi – afferma il presidente del Consorzio di tutela del limone di Siracusa IGP, Fabio Moschella – ed è del tutto naturale che un’annata possa essere meno produttiva di un’altra. Di per sé, quella del Verdello è già la produzione meno abbondante in termini di resa, se confrontata, rispettivamente, con le produzioni di Primofiore d’autunno e d’inverno.

La stagione che il Consorzio sta per lasciarsi alle spalle sarà, come le ultime, da ricordare per gli anni a venire: solo per quanto riguarda il mercato del fresco sono stati prodotti circa un milione di quintali di limone di Siracusa, equamente distribuiti fra il mercato italiano e quelli esteri. Altri 500 mila quintali prodotti sono stati destinati all’industria di trasformazione, un comparto in crescita costante che quest’anno ha visto l’ingresso, fra gli utilizzatori del limone di Siracusa IGP, di Ferrero, che per la prima volta nella sua lunga storia ha scelto, fra una rosa di quasi 1.400 indicazioni geografiche relative al panorama agroalimentare mondiale, il limone di Siracusa IGP per una sua specialità da forno, il Kinder Cerealé agli agrumi.

Le superfici destinate a nuovi giardini di limoni sono in forte aumento, in controtendenza sempre più marcata con il resto del comparto agrumicolo, e il numero dei iscritti al Consorzio ha superato le duecento unità, con un tasso di rappresentatività del comparto superiore al 95%: una enorme famiglia composta da piccolissimi, medi e grandi produttori, intermediari, confezionatori, che uniti consacrano Siracusa come capitale sempre più incontrastata del limone di alta qualità in Europa.

Kommentar verfassen

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.