Il raccolto

Il succo, aspro e dissetante, ha il gusto dell’estate, ma limone è soprattutto un frutto invernale. La maggior parte della produzione si raccoglie tra ottobre e maggio, quando succo, oli e sapore raggiungono il massimo dell’intensità. Ma il “femminello” di Siracusa è diverso.

Produce limoni tutto l’anno, in più raccolti, di cui tre principali. Ciascuno con le sue particolarità. Si comincia con il “primofiore”, dal primo di ottobre. Da metà aprile arriva il “bianchetto”, e in luglio il “verdello”. Ogni stagione dona al limone le sue note climatiche. Ma la qualità rimane identica. Ciascun frutto è raccolto da mani esperte, tagliato al gambo con delle piccolissime forbici da palmo costruite appositamente. Perché vogliamo essere sicuri che lascerà Siracusa nelle condizioni ottimali.

La nostra è una storia che si tramanda di padre in figlio. Ancora oggi per le tecniche di potatura, fertilizzazione, e irrigazione ci rifacciamo a una sapienza antica. Ci piace l’idea di mantenere vive le tradizioni e proteggere i nostri metodi da un mercato saturo di prodotti privi di identità specifica e di un legame con il territorio di origine: i due motivi per cui amiamo il nostro limone. E per cui lo amerete anche voi.